Fratelli Traversari Mosaici Contatti Dove Siamo Chi Siamo Home

FacebookInstagram@Mosaic_Travers


MOSAICO COMMESSO FIORENTINO IN PIETRE DURE


            

             Il mosaico commesso fiorentino in pietre dure è presente a Firenze dal periodo romanico fino ad una parte del rinascimentale, ma acquista un nuovo impulso nella seconda metà del ‘500
con la famiglia Medici.

foto commesso fiorentino
 

             Nel 1588 Ferdinando I fonda la manifattura delle pietre dure chiamata “Galleria dei Lavori”, con sede agli Uffizi fino al 1796, anno in cui si trasferisce nell’attuale sede di Via degli Alfani con il nome di “Opificio delle Pietre Dure”.

            Nel 1604 inizia la costruzione della “Cappella dei Principi”, unita alla Chiesa di S.Lorenzo, i cui lavori terminano nel 1737: la Cappella rappresenta il primo esempio di quel mosaico ad intarsio, eseguito interamente con marmi e pietre dure pregiate, di cui Firenze sarà il centro esclusivo di produzione dal XVI° al XIX° secolo e che sarà conosciuto come “Commesso fiorentino”.

            Il termine commesso viene dal latino committere: unire, congiungere, infatti con questa tecnica si realizzano, partendo da un disegno di base, mosaici formati da pezzi di pietre dure naturali (calcedoni, diaspri, lapislazzuli, malachite, etc.) che vengono, come prima cosa, scelti per colore e sfumature in base al soggetto da eseguire, poi tagliati a mano attraverso l’azione congiunta di un archetto in legno con un filo di ferro e polveri abrasive, incollati tra loro ed infine lucidati.

           


            La nostra ditta è una delle poche rimaste a
Firenze che prosegue questa tradizione artigianale tipica della nostra città e che, soprattutto, continua ad usare esclusivamente materiali di prima qualità lavorati a mano con sapienza ed abilità.

Tavolo particolare

 

 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Click here to see the English version

Via Senese, 68/B              50124 FIRENZE               Tel./Fax +39.055.221685
  traversari.mosaici@tin.it - info@traversarimosaici.it

Tutto il materiale in questo sito è di proprietà dei Fratelli Traversari. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e delle convenzioni internazionali. E' vietata la riproduzione anche parziale del contenuto di questo sito.
Nomi e marchi citati nel testo sono depositati o registrati dalle rispettive case produttrici.
Home Chi Siamo Dove Siamo Contatti
Brown, on the other hand, in audemars piguet replica ceramic is a new color for Rolex. In addition to the first ever bi-colored ceramic bezel on the new GMT-Master II Day/Night, the brown colored ceramic bezel on this new rolex replica uk Cosmograph Daytona 116506 is a fresh thing for 2013. I personally think Rolex paired brown with this particular shade of blue because of Paul Newman. Now, of course, Paul Newman is an important guy for rolex replica uk because of the famed "Paul Newman Daytona." One of the most celebrated rolex replica uk Daytona models around, the Paul Newman Daytona is a sweetheart at auctions. Rather than recreate a Paul Newman rolex replica watches Daytona dial (again), Rolex replica watches paid homage to the late actor's famous blue eyes. In his youth he had brown hair, and for me the blue and brown dial mixes well with the imagery many people have when they think of Paul Newman in his earlier days. Even as an old man, Newman's face was marked by his striking blue eyes.